it-en  Amiche Easy
Antonia Buizza – Friends "What time is it?".
"A quarter past nine already."
"What shall we do? Do we order?"
"I would say yes! It seems to me that we have waited too long."
"Cheng! Three cappuccinos and three brioches."
The waiter materialized at the table, which as every Sunday, was occupied by three elderly ladies.
"How do you want the brioches?"
"What do you think, girls? Without filling?"
Carla threw a fleeting glance of regret at the shortbreads that showed a Nutella heart behind the counter window.
The answer was a sigh of resignation: "Of course ... without filling."
The Chinese moved away, swallowed by the Sunday crowd. He would have served those cappuccinos and those brioches with oriental phlegm: he knew, from experience, that the clients would remain anchored there until the time of mass when, the body refreshed, they would think of nourishing their souls.

"What are we doing?" Do we call her?" Emilia took her smartphone from her purse which was adorned with the fat and sullen face of a child of five or six.
"Tell me, isn't my little pumpkin cute?" she asked beaming, contemplating her grandson's portrait.
The proper compliments on the baby's at least healthy aspect, despite the questionable culinary talents of the daughter-in-law, being over, the friends returned to focusing on their dilemma.
"I wouldn't call her", said Carla dogmatic. "We've been meeting on Sundays at nine for breakfast for ages. If she arrives late, my dear, it means that she's no longer that interested."
"Give her at least a ring", interrupted Laura. "We all know that Bice hasn't been the same lately. Since her mother died..."
"Let's say that she is a bit weird, she has always been", interrupted Carla, who liked punctuality. "Such misfortunes befall everyone, and even though I do not have a husband in and out of hospitals, and my mom to take care of, my diverticulitis isn't getting any better, dear."

"I, on the other hand, will bow my head to that old tyrant," said Emil, finally glancing at her grandson to ward off her friend's chain of misfortunes. "Not only that girls, but let's be frank: we are starting to be a certain age and our memories are not what they used to be, it will be forgotten. Besides, she is really not so young. How old is she? "Is she already seventy?"
"Of course she is older than that, my dear. Cut away the layer of foundation and you will understand that she has also passed seventy-five."
"You'd have to say that all that makeup, at our age, is a little out of place," and Laura looked at her fingernails, pink and cut short.

"If only it were just the makeup!" But have you see how she dresses herself in public? I wouldn't say she should dress like a grandmother, but that clown suit is really too much" and Carla inspected her blue linen dress, which pulled a little on her hips, but was, for all that, so Jackie O.
""I am still of the opinion that everything depends on the death of the mom: she and Bice are two hearts and one soul," declared Laura, who dabbled in psychology. "I am almost sorry to have pushed her to look for new interests: all of that art really doesn't do her any good."
"Of course, you hoped to find another pair of arms for Charity, but she preferred the brush to the crochet hook."

"Charity--you must be joking," said Laura, cut to the quick. "I'm just saying that at our age volunteer work is a big beautiful thing: if they have two chats, that takes away a few hours of tv and gives a hand to a neighbor." She sighed, and then said, "For someone like me, who does not have grandchildren, it is manna from heaven."

"For you! But the grandson that she has, Bice," stated Carla, rolling her eyes like a crazy person and asking her self if it would not be better to change her order.
"Anyway, I saw Gabri two days ago," announced Emilia lowering her voice and glancing at the other two, who waited longingly for a little spicy domestic gossip. "Also, she looked strange to her. My mother is not herself anymore. . .her exact words. Know that she does not want to keep the children anymore, because perhaps, she says, she must paint?"
An instant of silent dismay followed the revelation.

"Are you talking seriously? But then things are dire. If a grandmother doesn't want to care for her grandchildren any more, that is really something that doesn't work...."
"I'll tell you more," Emilia spoke again, gratified by the attention of the two, who usually held the floor. "That Gabri has already made an appointment with a neurologist, because she wants to get to the bottom of the things she needs to do."
"Of course, if things are like that, she has done well."
"But she," I mean Bice, where will she go?"
"Who knows>>."
"Good morning, girls, namaste." Have I kept you wanting long?" The apparition in indian cotton and leather sandals interrupts the conspiracy.
"Bice, finally!"

The woman, who in that moment was forced to assume a repentant air, seemed a out of tune with that little table where the last empty seat waited for her. She was dressed in loose multicolored harem pants and an bead necklace in equally varied colors, which she turned on her shriveled neck. The face was colored without being tanned, betraying an age closer to seventy than to sixty, while the hair cut very short, was of an unmistakable blue color.
"Bice, but what have you done to your hair?"
"Beautiful, isn't it? I said to myself: why not? I couldn't decide between the electric blue and the oil green, but then I thought that the blue was more restrained."
"And why have you arrived so late?" said Carla, without taking her eyes from her friend's hairdo.

""You know that, when art calls, I do not have a schedule. I am joking: yesterday evening I was awake until the wee hours, and this morning I did not hear the alarm."
"Did you stay up late yesterday night?" asked Emilia without hiding her curiosity. "Is there something that we should know?"
Bice laughed "Nothing romantic, sadly. I went to an exhibition with the Bottega of Painting and we were late. On the contrary, Laura, I will never thank you enough for having convinced me to take brush in hand again."
"Mrs. Beatrice, what do I bring you?" Cheng had reappeared at the table and was sorting cappuccinos and croissants.

"Finally someone who calls me by my name. Thank you, Cheng! A green tea and that nice nutella pastry!". The waiter walked away and Bice, smiling, watched him.
"How cute! Since taking him in, this bar has become a nice little place, and even cheaper!". Emilia interrupted the panegyric of the Chinese to return to topics that most interested her: "How is Gabri?"
A quick shadow passed over Bice's face: "Good. She is a bit angry with me for the story of the children ... ".
"Which story?"
"I told her I was no longer willing to keep them every afternoon, but only one day a week."
"And why this decision? If I had two grandchildren, I would shower them every moment with kisses," said Laura.

"I adore my grandchildren, but my daughter and my son-in-law must grow up for once and decide to act like parents." She seemed to speak more to herself than to her friends, while tinkling the many bracelets that adorned her bony wrists. "They have every opportunity to work a little less and dedicate themselves to the family, if they wish. Anyway, I have made my decision. Besides, I have a bunch of projects and I need a little bit of time for myself," and she looked up, embracing the three women in a smile.
"But dear, at our age, if we don't act like grandmothers, what is left for us?"
"Lots of things," replied Bice, while the Chinese man served her tea and pastry. "I adore Nutella, it is even better than sex!"

"But what are you saying?" asked Carla with a giggle. "My dear, sex must mean gender at our age!"
"Not necessarily! Anyway, let's change the subject, I don't want to disturb your virgin ears. Then, who's coming with me to the exhibition of PreRaphaelites?"
"When is it?"
"Till next month. Come on, girls, don't be grandmothers ... ".
"It's just that I don't understand much about art ...", Laura protested weakly.
"But that's the beauty! Come on, let's have fun: what life is it if we don't do something together!"

Emilia looked at her cellphone. "What time is it? girls, I need to get going again, mass is about to start."
Bice stayed seated. "You won't really be offended if I am not playing today? Don Cesare knows that I have become something of a casual Catholic."
"A bit casual? I have to write this one down," smiled Laura, kissing her on the cheek.
Namasté, dear. See you Sunday."
The three payed their bills and left the bar. Bice watched the three shapes grow smaller on the sun-drenched square, and already she seemed to hear Carla's malice on her hair, Emilia's acid comments and Laura's banalities on mourning.
She sighed: it would take time and patience, but in the end she would have made it to bring them back to life.

Sipping green tea and enjoying the peace of the bar, which had magically emptied out, she caught a glimpse of Pablo's lean, lanky figure crossing the square (but was his name really Pablo? Or was the nickname a tribute to his talent?) Sooner or later she would have to make up her mind and go to his shop, perhaps even the next day. She had always liked tattoos, and perhaps it was time to get one: a small, discreet thing on her right wrist. The om symbol could be an idea, but deep down she know already what Pablo, the learned tattooist, would design for her: the smoke cloud of a steam engine.

* Riferimento alla novella di Luigi Pirandello Il treno ha fischiato (ndr).
https://www.inkroci.it/racconti-brevi/i-racconti/racconti-brevi-scrittori-emergenti/antonia-buizza-amiche-racconto.html
unit 1
Antonia Buizza – Amiche «Che ore sono?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 2
«Già le nove e un quarto».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 3
«Che facciamo?
2 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 6 days ago
unit 4
Ordiniamo?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 5
«Direi proprio di sì!
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 6
Mi pare che l’abbiamo aspettata anche troppo».
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 6 days ago
unit 7
«Cheng!
2 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 6 days ago
unit 8
Tre cappuccini e tre brioche».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 9
Il cameriere si materializzò al tavolino presidiato, come ogni domenica, da tre anziane signore.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 10
«Come desidera le brioche?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 11
«Che dite, ragazze?
2 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 6 days ago
unit 12
Tutte vuote?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 14
La risposta fu un sospiro di rassegnazione: «Certo… vuote».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 15
Il cinese si allontanò, inghiottito dalla ressa domenicale.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 17
«Che facciamo?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 18
La chiamiamo?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 2 months, 1 week ago
unit 22
«Io non la chiamerei» fece Carla dogmatica.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 23
«Sono anni che ci troviamo la domenica alle nove per la colazione.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 24
Se arriva tardi, cara mia, significa che non le interessa più di tanto».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 25
«Falle almeno uno squillo» la interruppe Laura.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 26
«Lo sappiamo tutte che negli ultimi tempi Bice non è più la stessa.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 27
Da quando le è morta la mamma…».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 28
unit 32
Del resto non è mica più tanto giovane.
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 33
Quanto ha?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 34
Ha già passato i settanta?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 35
«Eccome se li ha passati, cara mia.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 36
Toglile lo strato di fondotinta e ti accorgi che ha passato anche i settantacinque».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 38
«Fosse solo il trucco!
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 39
Ma avete visto come se ne va conciata in giro?
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 44
«Macché Caritas» fece Laura punta sul vivo.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 46
Fece un sospiro e proseguì: «Per una come me, che non ha nipoti, è una manna dal cielo».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 47
«Per te!
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 50
«Anche lei la vede strana.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 51
Mia madre non è più lei… testuali parole.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 52
Sapete che non vuole più tenerle i bambini perché, dice, deve dipingere?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 53
Un istante di sbigottito silenzio fece seguito alla rivelazione.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 54
«Dici sul serio?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 6 days ago
unit 55
Ma allora la cosa è grave.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 56
Se una nonna non vuole più tenere i nipoti, c’è davvero qualcosa che non va…».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 59
«Certo, se le cose stanno così, ha fatto bene».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 60
«Ma lei, Bice intendo, ci andrà?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 61
«Chissà…».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 62
«Buongiorno, ragazze, namasté.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 63
Mi state aspettando da tanto?».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 64
L’apparizione in cotone indiano e sandali di cuoio interruppe la cospirazione.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 65
«Bice, finalmente!».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 69
«Bice, ma che hai fatto ai capelli?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 70
«Belli, vero?
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 71
Mi sono detta: perché no?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 74
«Lo sai che, quando l’arte chiama, io non ho orari.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 75
Sto scherzando: ieri sera ho fatto le ore piccole e stamattina non ho sentito la sveglia».
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 76
«Hai fatto tardi ieri sera?» fece Emilia senza dissimulare la curiosità.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 77
«C’è qualcosa che dobbiamo sapere?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 78
Bice rise.
2 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 79
«Nulla di romantico, purtroppo.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 80
Sono andata a una mostra con la Bottega della Pittura e abbiamo fatto tardi.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 82
«Signora Beatrice, cosa le porto?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 17 hours ago
unit 83
Cheng era ricomparso al tavolino e stava smistando cappuccini e brioche.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 19 hours ago
unit 84
«Finalmente qualcuno che mi chiama col mio nome.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 17 hours ago
unit 85
Grazie, Cheng!
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 86
Un tè verde e quella bella frolla alla nutella!».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 17 hours ago
unit 87
Il cameriere si allontanò e Bice lo osservò sorridendo.
2 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 88
«Ma che carino!
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 91
Sul viso di Bice passò una rapida ombra: «Bene.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 17 hours ago
unit 92
È un po’ arrabbiata con me per la storia dei bimbi…».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 93
«Quale storia?».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 week, 1 day ago
unit 95
«E perché questa decisione?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 19 hours ago
unit 96
Li avessi io due nipotini, me li mangerei ogni momento di baci» fece Laura.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 5 days, 17 hours ago
unit 99
unit 100
Comunque la mia decisione è presa.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 102
«Ma cara, alla nostra età, se non facciamo i nonni, che ci rimane?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 103
«Un sacco di cose!» fece Bice di rimando, mentre il cinese le serviva il tè e la frolla.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 104
«Adoro la Nutella, è anche meglio del sesso!».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 105
«Ma che dici?» fece Carla con un risolino.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 106
«Cara mia, alla nostra età sesso deve significare genere!».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 107
«Non necessariamente!
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 108
Comunque cambiamo argomento, che non voglio turbare le vostre verginali orecchie.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 109
Allora, chi viene con me alla mostra dei Preraffaelliti?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 110
«Quand’è?».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 4 days, 7 hours ago
unit 111
«Fino al mese prossimo.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 17 hours ago
unit 112
Dai, ragazze, non fate le nonne…».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 17 hours ago
unit 113
«È che io di arte non ci capisco molto…» protestò debolmente Laura.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 17 hours ago
unit 114
«Ma è proprio questo il bello!
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 115
Dai, che ci divertiamo: è una vita che non facciamo qualcosa insieme!».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 116
Emilia guardò il cellulare.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 117
«Che ore abbiamo fatto?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 118
Ragazze, bisogna levare le ancore, che sta per iniziare la messa».
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 119
Bice rimase seduta.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 3 days, 16 hours ago
unit 120
«Non vi offendete se oggi non sono della partita, vero?
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 day, 17 hours ago
unit 121
Tanto don Cesare lo sa che sono diventata una cattolica… un po’ sportiva».
2 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 day, 16 hours ago
unit 122
«Un po’ sportiva?
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 3 days, 5 hours ago
unit 123
Questa me la devo segnare» le sorrise Laura baciandola sulla guancia.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 day, 17 hours ago
unit 124
«Namasté, care.
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 3 days, 5 hours ago
unit 125
Ci vediamo domenica».
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 3 days, 5 hours ago
unit 126
Le tre pagarono i loro conti e uscirono dal bar.
1 Translations, 1 Upvotes, Last Activity 1 day, 17 hours ago
unit 128
unit 130
O il soprannome era un omaggio al suo talento?).
1 Translations, 0 Upvotes, Last Activity 1 day, 16 hours ago
unit 131
unit 134
markvanroode 353  commented on  unit 87  4 days, 7 hours ago
suewells • 134  commented on  unit 78  5 days, 17 hours ago
suewells • 134  translated  unit 78  5 days, 17 hours ago
markvanroode 353  commented on  unit 78  1 week, 1 day ago
markvanroode 353  commented on  unit 16  1 week, 6 days ago
markvanroode 353  commented on  unit 11  1 week, 6 days ago
markvanroode 353  translated  unit 7  1 week, 6 days ago
markvanroode 353  commented on  unit 7  1 week, 6 days ago
markvanroode 353  commented on  unit 6  1 week, 6 days ago
markvanroode 353  commented on  unit 3  1 week, 6 days ago
suewells • 134  translated  unit 47  2 weeks, 1 day ago
marina 57  commented on  unit 6  2 months, 1 week ago
markvanroode 353  translated  unit 7  2 months, 1 week ago
markvanroode 353  translated  unit 4  2 months, 1 week ago

Antonia Buizza – Amiche
«Che ore sono?».
«Già le nove e un quarto».
«Che facciamo? Ordiniamo?».
«Direi proprio di sì! Mi pare che l’abbiamo aspettata anche troppo».
«Cheng! Tre cappuccini e tre brioche».
Il cameriere si materializzò al tavolino presidiato, come ogni domenica, da tre anziane signore.
«Come desidera le brioche?».
«Che dite, ragazze? Tutte vuote?».
Carla gettò un fugace sguardo di rimpianto alle frolle che, dietro la vetrina del bancone, esibivano un cuore di Nutella.
La risposta fu un sospiro di rassegnazione: «Certo… vuote».
Il cinese si allontanò, inghiottito dalla ressa domenicale. Avrebbe servito quei cappuccini e quelle brioche con orientale flemma: sapeva, per esperienza, che le clienti sarebbero rimaste ancorate lì fino all’ora della messa quando, rifocillato il corpo, avrebbero pensato a nutrire le loro anime.

«Che facciamo? La chiamiamo?». Emilia sfoderò dalla borsetta lo smartphone su cui campeggiava il viso grasso e imbronciato di un bambino di cinque o sei anni.
«Ditemi se non è bello il mio patatino?» domandò raggiante, contemplando il ritratto del florido nipote.
Fatti i doverosi apprezzamenti sull’aspetto quantomeno sano del pargolo, a dispetto delle discutibili qualità culinarie della nuora, le amiche tornarono a concentrarsi sul loro dilemma.
«Io non la chiamerei» fece Carla dogmatica. «Sono anni che ci troviamo la domenica alle nove per la colazione. Se arriva tardi, cara mia, significa che non le interessa più di tanto».
«Falle almeno uno squillo» la interruppe Laura. «Lo sappiamo tutte che negli ultimi tempi Bice non è più la stessa. Da quando le è morta la mamma…».
«Diciamo che un po’ strana lo è sempre stata» la interruppe Carla, che amava la puntualità. «Di disgrazie ne sono capitate a tutte: e anche se io non ho avuto il marito fuori e dentro dagli ospedali, e la mamma da accudire, non è che me la sia passata meglio con la mia diverticolite, cara».

«Io, comunque, sarei andata giù di testa con quella vecchia tiranna» fece Emilia, staccando finalmente gli occhi dal nipotino per scongiurare il rosario di malanni dell’amica. «E poi, ragazze, diciamocelo: cominciamo ad avere una certa età e la memoria non è più quella di una volta, se ne sarà scordata. Del resto non è mica più tanto giovane. Quanto ha? Ha già passato i settanta?».
«Eccome se li ha passati, cara mia. Toglile lo strato di fondotinta e ti accorgi che ha passato anche i settantacinque».
«C’è da dire che tutto quel trucco, alla nostra età, è un po’ fuori luogo», e Laura si guardò le unghie rosee e tagliate cortissime.

«Fosse solo il trucco! Ma avete visto come se ne va conciata in giro? Non dico vestirsi da nonna, ma quelle arlecchinate sono davvero troppo», e Carla si rimirò l’abito blu di lino, che le tirava un po’ sui fianchi, ma che faceva tanto Jackie O.
«Io rimango del parere che tutto dipenda dalla morte della mamma: lei e Bice erano due cuori e un’anima sola» sentenziò Laura, che si dilettava di psicologia. «Mi sono quasi pentita di averla spinta a cercarsi nuovi interessi: tutta quell’arte non le fa mica bene».
«Certo, tu speravi di trovare un altro paio di braccia per la Caritas, ma lei ha preferito i pennelli all’uncinetto».

«Macché Caritas» fece Laura punta sul vivo. «Dico solo che alla nostra età il volontariato è una gran bella cosa: si fanno due chiacchiere, ci si toglie per qualche ora dalla tivù e si dà una mano al prossimo». Fece un sospiro e proseguì: «Per una come me, che non ha nipoti, è una manna dal cielo».

«Per te! Ma Bice i nipoti ce li ha» specificò Carla, volgendo gli occhi alle frolle e interrogandosi se non fosse il caso di cambiare l’ordinazione.
«Comunque ho visto la Gabri due giorni fa», annunciò Emilia abbassando la voce e sogguardando le altre due, che aspettavano bramose un po’ di pepe sulle maldicenze domenicali. «Anche lei la vede strana. Mia madre non è più lei… testuali parole. Sapete che non vuole più tenerle i bambini perché, dice, deve dipingere?».
Un istante di sbigottito silenzio fece seguito alla rivelazione.

«Dici sul serio? Ma allora la cosa è grave. Se una nonna non vuole più tenere i nipoti, c’è davvero qualcosa che non va…».
«Vi dico di più» riprese Emilia, gratificata dall’attenzione delle due, che solitamente tenevano banco. «La Gabri ha già preso appuntamento con un neurologo, perché vuole andare a fondo della faccenda».
«Certo, se le cose stanno così, ha fatto bene».
«Ma lei, Bice intendo, ci andrà?».
«Chissà…».
«Buongiorno, ragazze, namasté. Mi state aspettando da tanto?». L’apparizione in cotone indiano e sandali di cuoio interruppe la cospirazione.
«Bice, finalmente!».

La donna, che in quel momento si stava sforzando di assumere un’aria mortificata, pareva una nota stonata a quel tavolino, dove l’attendeva l’ultima sedia vuota. Indossava ampi pantaloni multicolori da odalisca e una collana di perline altrettanto variopinte, che le si avvolgeva su un collo avvizzito. Il viso colorito, senza essere abbronzato, tradiva un’età più vicina ai settanta che ai sessanta, mentre i capelli, tagliati cortissimi, erano di un inequivocabile colore blu.
«Bice, ma che hai fatto ai capelli?».
«Belli, vero? Mi sono detta: perché no? Ero indecisa fra il blu elettrico e il verde petrolio, ma poi ho pensato che il blu è più sobrio».
«E perché sei arrivata così tardi?» fece Carla, senza distogliere gli occhi dalla capigliatura dell’amica.

«Lo sai che, quando l’arte chiama, io non ho orari. Sto scherzando: ieri sera ho fatto le ore piccole e stamattina non ho sentito la sveglia».
«Hai fatto tardi ieri sera?» fece Emilia senza dissimulare la curiosità. «C’è qualcosa che dobbiamo sapere?».
Bice rise. «Nulla di romantico, purtroppo. Sono andata a una mostra con la Bottega della Pittura e abbiamo fatto tardi. Anzi, Laura, non ti ringrazierò mai abbastanza per avermi convinta a riprendere in mano il pennello».
«Signora Beatrice, cosa le porto?». Cheng era ricomparso al tavolino e stava smistando cappuccini e brioche.

«Finalmente qualcuno che mi chiama col mio nome. Grazie, Cheng! Un tè verde e quella bella frolla alla nutella!». Il cameriere si allontanò e Bice lo osservò sorridendo.
«Ma che carino! Da quando l’ha preso in gestione, questo bar è diventato un bel posticino, e anche più economico!». Emilia interruppe il panegirico del cinese per tornare ad argomenti che più la interessavano: «Come sta la Gabri?».
Sul viso di Bice passò una rapida ombra: «Bene. È un po’ arrabbiata con me per la storia dei bimbi…».
«Quale storia?».
«Le ho detto che non sono più disposta a tenerli tutti i pomeriggi, ma solo un giorno alla settimana».
«E perché questa decisione? Li avessi io due nipotini, me li mangerei ogni momento di baci» fece Laura.

«Io adoro i miei nipoti, ma mia figlia e mio genero devono crescere una buona volta e decidere di fare i genitori». Sembrava parlare più a se stessa che con le amiche, mentre faceva tintinnare i numerosi braccialetti che adornavano i polsi ossuti. «Hanno tutte le possibilità di lavorare un po’ meno e di dedicarsi alla famiglia, se vogliono. Comunque la mia decisione è presa. Inoltre ho un sacco di progetti e ho bisogno di un po’ di tempo per me», e sollevò lo sguardo, abbracciando le tre donne in un sorriso.
«Ma cara, alla nostra età, se non facciamo i nonni, che ci rimane?».
«Un sacco di cose!» fece Bice di rimando, mentre il cinese le serviva il tè e la frolla. «Adoro la Nutella, è anche meglio del sesso!».

«Ma che dici?» fece Carla con un risolino. «Cara mia, alla nostra età sesso deve significare genere!».
«Non necessariamente! Comunque cambiamo argomento, che non voglio turbare le vostre verginali orecchie. Allora, chi viene con me alla mostra dei Preraffaelliti?».
«Quand’è?».
«Fino al mese prossimo. Dai, ragazze, non fate le nonne…».
«È che io di arte non ci capisco molto…» protestò debolmente Laura.
«Ma è proprio questo il bello! Dai, che ci divertiamo: è una vita che non facciamo qualcosa insieme!».

Emilia guardò il cellulare. «Che ore abbiamo fatto? Ragazze, bisogna levare le ancore, che sta per iniziare la messa».
Bice rimase seduta. «Non vi offendete se oggi non sono della partita, vero? Tanto don Cesare lo sa che sono diventata una cattolica… un po’ sportiva».
«Un po’ sportiva? Questa me la devo segnare» le sorrise Laura baciandola sulla guancia.
«Namasté, care. Ci vediamo domenica».
Le tre pagarono i loro conti e uscirono dal bar. Bice osservò le tre sagome rimpicciolirsi sulla piazza inondata dal sole, e già le pareva di udire le malignità di Carla sui suoi capelli, i commenti acidi di Emilia e le banalità di Laura sull’elaborazione del lutto.
Sospirò: ci sarebbero voluti tempo e pazienza, ma alla fine ce l’avrebbe fatta a riportarle in vita.

Sorseggiando il tè verde e godendosi la pace del bar, che si era magicamente svuotato, intravvide la figura magra e allampanata di Pablo attraversare la piazza (ma si chiamava davvero Pablo? O il soprannome era un omaggio al suo talento?). Prima o poi avrebbe dovuto decidersi e andare nel suo negozio, magari proprio l’indomani. Le erano sempre piaciuti i tatuaggi, e forse era venuto il momento di farsene uno: un cosa piccolina, discreta, sul polso destro. Il simbolo dell’om poteva essere un’idea, ma in fondo sapeva già che cosa le avrebbe disegnato Pablo, tatuatore letterato: lo sbuffo di un treno a vapore*.

* Riferimento alla novella di Luigi Pirandello Il treno ha fischiato (ndr).
https://www.inkroci.it/racconti-brevi/i-racconti/racconti-brevi-scrittori-emergenti/antonia-buizza-amiche-racconto.html